13 giugno 2008

BEL TEMPO E TEMPO DEL BELLO

Carissime Famiglie di San Barnaba,
vi scrivo avendo appena vissuto insieme con voi la Festa Patronale e all’inizio del tempo estivo e di vacanza.
La Festa Patronale è stata “riuscitissima”, perché caratterizzata da uno stile di apertura che ha coinvolto molti. Tanti si sono dati da fare sia nell’organizzare che nel preparare, tanti hanno aderito all’invito sia nell’offrire che nel “mangiare”.
È stata una festa contrassegnata dalla voglia e dalla gioia di danzare. Hanno danzato i cuochi e i “camerieri” alla sera della cena. Hanno danzato le “donne” con le loro danze popolari. Abbiamo danzato al suono degli strumenti a percussione del Senegal. Ha danzato la grandine sulle nostre teste oltre che sui nostri tendoni. Anche se la pioggia non ci ha permesso di vivere un pomeriggio in via Feraboli, il “vi@ v@i” è stato tanto, anzi lo si è visto maggiore perché eravamo tutti stipati in ambienti che hanno dato risonanza all’essere in festa.
Abbiamo visto e sperimentato il “bello”, oltre quanto viene detto, scritto e mostrato di noi. E questo è stato e sarà ancora occasione di festa.
Anche per noi preti è bello essere qui: ci avete dimostrato il vostro sincero affetto con i piccoli segni che ci avete offerto, A nome di don Giuseppe, di Monsignor Giacomo e di don Renato vi ringrazio dell’amore che avete per noi. Anche questo è il “bello” del Gratosoglio.
E ora il tempo d’estate. Spero che le difficoltà economiche non impediscano alla vostra famiglia di concedersi un adeguato riposo.
Vi auguro che “il tempo sia bello” e che “il tempo che avrete” faccia maturare in voi “lo spirito di San Barnaba”: sia quello del santo patrono (inguaribile ottimista!) che quello che la nostra Comunità sta vivendo. Lo stile di chi vuole cercare, vedere e stupirsi perché sa che c’è del “bello” (e tanto!) nascosto ovunque, nel cuore, in casa, al Gratosoglio...
Provate a riandare ai mesi passati e a scoprire per esempio quanto avete ricevuto ed è stato donato alla vostra famiglia. Ma anche a vedere quanto il vivere nella nostra Comunità di San Barnaba vi offra grandi possibilità. Da noi ci sono tante opportunità: da quelle liturgiche a quelle caritative, dalle iniziative educative a quelle aggregative, dall’annuncio del Vangelo all’accoglienza degli immigrati. Ma non è che nei nostri quartieri c’è poco: basta guardare senza occhiali scuri e vedere quanto le Associazioni, le Scuole, oltre che le persone sono impegnate a fare.
Concludo ricordandovi che dopo l’estate ci attenderà ancora un periodo di “disagi”, poiché inizieremo la seconda parte dei lavori in chiesa: quelli che la renderanno “bella” e sempre più funzionale alle nostre celebrazioni liturgiche. Abbiamo già avuto tanta pazienza nelle prima fase, nella seconda oltre alla pazienza ci spingerà l’attesa di vedere la nostra chiesa finita e utile.
Buon tempo estivo, carissime famiglie
Fraternamente
don Giorgio

DOPO LA FESTA PATRONALE

Si è aperta una nuova fase di relazione fra la Parrocchia e le diverse realtà che operano all’interno dei nostri quartieri.

Carissima Associazione,
con entusiasmo e tanta voglia di incontrarci e conoscerci meglio, vi avevamo invitato ad essere protagonisti della Festa Patronale edizione 2008 e con pari entusiasmo siete intervenuti per rendere viva e bella la festa di tutti gli abitanti dei nostri quartieri.
La vostra risposta e la vostra presenza con “armi e bagagli” al “riparo” dei gazebo allestiti per voi ha destato in tutti noi vivo interesse e grande attesa…
Purtroppo è stato solo un assaggio … di un pasto che sapevamo ricco e sostanzioso e con immutato appetito, nel ringraziarvi ancora di “esserci stati”, ci auguriamo di gustare, ancora insieme a voi, un “pranzo completo” il prossimo anno, con il sole nel cielo … oltre che nel cuore!
Con rinnovata stima e amicizia

Don Giorgio e la Comunità Parrocchiale

EUCARESTIE DEL TEMPO ESTIVO

In questi anni si è cercato di migliorare la Liturgia Eucaristica domenicale: c’è stato un grosso sforzo del Coordinamento e degli Animatori Liturgici, come pure il cercare occasioni perché i diversi Ministeri svolgano il loro servizio in modo sempre più bello. A questi fratelli della nostra Comunità dobbiamo tutti un grosso grazie, perché per mezzo loro in San Barnaba le celebrazioni preparate aiutano a esprimere una fede sincera e gioiosa.
Per mantenere anche le Sante Messe di tutto l’anno con questo stile, gli Animatori hanno fatto un ulteriore sforzo. Nelle ultime due estati hanno preparato le celebrazioni con particolare cura, cosicché anche in un periodo dove c’è meno gente e meno “ministri liturgici” la Messa non sia improvvisata (perciò scialba e spenta). Hanno sempre messo a disposizione il “foglietto” (con inseriti i canti) e suggerito un gesto che valorizzava la Parola di Dio proclamata.
Però, facendo una verifica delle scorse estati, ci si è accorti che non sempre era possibile realizzare questo a causa non solo dei pochi “ministri” presenti, ma anche dello scarso numero di fedeli, determinato dal fatto che a Luglio ed Agosto ci sono molti spostamenti per le vacanze. Tanto per farci un’idea: nell’Agosto 2007 abbiamo avuto circa 300 fedeli che frequentavano l’Eucarestia (sommando quelli presenti al Sabato e alle 2 Messe della Domenica, all’Assunta sono stati solo 220)
Per questo motivo negli anni scorsi non si era fatta la Messa vespertina (ore 18.00) nelle Domeniche di Agosto. Ma questo non ha eliminato il male!
Con il Consiglio Pastorale si sono presi in considerazione i numeri dei fedeli presenti nella Eucarestia delle Domeniche di Luglio e Agosto dello scorso anno e degli anni precedenti e si è pensato per questa estate di fare le seguenti scelte:
> da Domenica 13 Luglio fino a Domenica 24 Agosto non ci sarà la Messa Vespertina (ore 18.00)
> da Domenica 3 Agosto fino a Domenica 24 Agosto non ci sarà la Messa delle ore 8.30
> ci sarà sempre la Messa Vespertina di Vigilia il Sabato sera (ore 18.00) e quella della Domenica alle ore 10.30.
> con Domenica 31 Agosto riprenderemo a celebrare le Sante Messe nei due Saloni a causa della ripresa dei lavori in chiesa (2a fase): le Messe vespertine in Centro Parrocchiale e le Messe del mattino nel Salone dell’Oratorio.
Le Messe dei giorni feriali continueranno ad essere celebrate nella Cappella sotto la casa parrocchiale con questi orari:
> da Lunedì 30 Giugno fino a Sabato 30 Agosto ci sarà solo la Messa delle ore 18.00
> nei mesi di Luglio e Agosto non ci sarà la Messa del Sabato alle ore 9.00
> con Lunedì 1 Settembre riprenderanno le 2 Messe feriali (sempre in Cappella)
La scelta del pomeriggio (invece che il mattino) è il risultato della verifica fatta sugli ultimi anni: il numero dei fedeli è maggiore alle ore 18.00, anche a causa del maggior numero di intenzioni che le famiglie desiderano per le necessità dei propri cari e dei defunti.

COMPLETAMENTO DEI LAVORI NELLA NOSTRA CHIESA

Con ogni probabilità durante i mesi di Luglio e Agosto ci saranno lavori nei giorni feriali (lunedì - venerdì) sia all’esterno che all’interno della chiesa. I lavori all’interno sono possibili perché non impediscono l’Eucarestia festiva e le Esequie, in quanto non dovrebbero sporcare eccessivamente. La chiesa rimarrà chiusa in alcuni settori ben delimitati.
Con Lunedì 25 Agosto la nostra chiesa ritornerà ad essere inagibile per circa due mesi: si spera di poter rientrare per la Solennità dei Santi.
In questi giorni con il Consiglio Affari Economici stiamo valutando i progetti e i costi dei lavori della 2a fase (tinteggiatura, pavimentazione, Battistero…), per ottenere le necessarie autorizzazioni sia della Curia che della Sovrintendenza dei Beni Culturali, e per firmare i contratti.
Continuiamo a dire grazie al Signore per la generosità che infonde in tante famiglie, che si sentono impegnate nel dare il contributo mensile.

ESTATE 2008 orari delle SS. Messe

Giorni feriali (nella Cappella sotto la casa parrocchiale)
da Lunedì 9 giugno a Sabato 28 giugno: ore 9,00 - 18,00
da Lunedì 30 giugno a Venerdì 29 agosto: solo ore 18,00
da Lunedì 1 settembre riprenderà il normale orario: ore 9,00 - 18,00
(nella Cappella sotto la casa parrocchiale)

Giorni Festivi
da Domenica 15 giugno a Domenica 6 luglio: ore 8,30 - 10,30 - 18,00
da Domenica 13 luglio a Domenica 27 luglio: ore 8,30 - 10,30
da Domenica 3 agosto a Domenica 24 agosto solo ore 10,30

Venerdì 15 agosto «ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA» verrà celebrata una sola S. Messa alle ore 10,30

Da Domenica 31 agosto riprenderà il normale orario: 8,30 - 10,00 - 11,30 - 18,00
(fatta avvertenza che le Ss. Messe vespertine vengono celebrate presso il Centro Parrocchiale, mentre quelle mattutine vengono celebrate presso il Salone-Teatro dell’Oratorio)

ULTIMISSIME DALLA BIRMANIA

ULTIMISSIME DALLA BIRMANIA da Paolo CERATI (alias Ike)

I mass-media ci hanno descritto con un certo realismo (considerate le difficoltà frapposte dal dispotico governo birmano) le terribili condizioni in cui si trova quel popolo a causa del catastrofico ciclone che l’ha colpito, seminando immani lutti e distruzioni.
Ecco, il nostro carissimo Ike, che da 5 anni vive in Birmania, ci racconta la sua esperienza e, soprattutto, le iniziative che intende assumere, per cercare, per quanto possibile, di aiutare quelle popolazioni.

Ciao a tutti, finalmente sono a Bangkok e riesco a collegarmi con piu' calma.
La situazione è ancora grave soprattutto perché il governo non dà l'autorizzazione agli aiuti a entrare nel paese. Ci sono aerei bloccati a Bangkok, Singapore e India con tonnellate di aiuti ma il governo dice che ce la può fare da solo, che ovviamente non è vero. Nell'area del delta la situazione è tragica. Corpi in putrefazione nell'acqua stagnante. Le NGO stanno cercando di portare soccorsi, ma se non lasciano entrare gli aiuti la situazione peggiorerà.
In capitale la corrente manca e mancherà per un mesetto se siamo fortunati perché la tempesta ha tirato giù tutti i pali e distrutto la maggior parte dei trasformatori.
Nell'area del delta pare ci siano sommosse e saccheggi perché la gente è allo stremo.
Come vi accennavo la mia idea è di aiutare famiglie qui a Yg che hanno perso la casa perchè mi è impossibile coordinare un intervento nella zona del delta. Ovviamente se arriveranno più fondi li girerò a ngo che conosco e che so che lavorano bene.
Alcuni di voi mi hanno già detto che vogliono partecipare, comunque vi terrò informati di come andremo avanti.
L'idea è, in coordinamento con altri due miei amici, di fornire legno per ricostruire la casa di quelle famiglie che l'hanno persa durante il ciclone. Per ogni famiglia stimiamo di spendere circa 350usd (400.000ks) ma ne mettiamo in previsione 400 perchè il dollaro sta scendendo paurosamente al cambio. Ovviamente cercheremo di monitorare il progetto con l'aiuto di alcuni del mio staff che sono fidati, più la moglie di un mio amico che è birmana. Saranno forniti i dati sulle famiglie (nome, numero per nucleo famigliare foto etc..).

I miei ortaggi sono volati via... ma era la mia ultima preoccupazione... li stiamo ripiantando. Per fortuna i nostri lavoratori stanno tutti bene, fortunatamente perché la fattoria si trova in una zona molto ventosa e in aperta campagna per cui mi aspettavo che il ciclone distruggesse tutto.
Alcuni di voi mi hanno chiesto se sia utile inviare cibo o vestiti. No, perché i costi di spedizione sono altissimi, e poi la roba verrebbe rubata non appena arrivata in dogana. Non capiamo, infatti, se la dogana stia lavorando o sia chiusa.
Ciao
ps. se volete più info sull’iniziativa fatemi domande precise.... all'indirizzo
frescoproduct@gmail.com

Di seguito vi mando le coordinate bancarie per chi di voi volesse fare una donazione:

Cerati Paolo
Banca Popolare di Milano cn. 71851 abi 05584 cab 1749 agenzia 599 casuale del versamento: Aiuti birmania

Grazie mille
Ciao
Paolo

NOTIZIE DAL CONSIGLIO PASTORALE DEL 31/05/2008

NOTIZIE DAL CONSIGLIO PASTORALE DEL 31/05/2008

1. Preghiera e comunicazione nella fede su Atti 14, 20b-28 (il brano scelto per la Festa patronale)
Nei vari interventi dei Consiglieri si sottolinea che:
- gli Apostoli creano dei punti di riferimento nelle varie comunità che raggiungono con viaggi pieni di rischi e fatiche, nonostante i quali sono in grado di rianimare i discepoli;
- noi siamo strumenti nelle mani di Dio e lo strumento fa ciò che chi lo adopera vuole; certo è difficile capire se ciò che accade è volere di Dio o volere nostro: questo è stato il nostro compito quest’anno come CPP;
- Dio opera continuamente tra noi, attraverso testimoni che suscitano anche conversioni clamorose (Blair e Magdi Allam). Con la nostra Festa Patronale andiamo verso gli altri, anche quelli che vivono in modo diverso la Fede secondo i diversi carismi riconosciuti dalla Chiesa;
- gli Apostoli hanno fatto molti discepoli, ma noi fatichiamo a farne qualcuno: ci servono persone che possano rianimare la nostra fede;
- si raccoglie ciò che si è seminato se si resta saldi nella fede, nonostante le tribolazioni, che si superano con la preghiera e il digiuno;
- il cammino degli Apostoli è anche il nostro, pieno di fatica, che, vissuta nella gioia, sa essere capace di convertire.
Don Giorgio conclude dicendo che l’atteggiamento con cui vivere questo incontro alla fine di un Anno Pastorale è quello dell’affidamento al Signore: affidiamo a Lui tutte le persone che hanno vissuto e agito e le “imprese” fatte perché tutti possiamo sperimentare la sua Grazia.

2. Rendiconto Economico e 2a fase lavori in chiesa
Elisabetta Cirrelli, Membro del Consiglio Affari Economici, presenta il punto.

3. Presentazione del Progetto Educativo dell'Oratorio e approvazione del documento
Don Giuseppe presenta il Progetto di “Pastorale Giovanile e Oratorio”, sottolineando la positività della costituzione del Consiglio d’Oratorio, la consonanza con le direttive della Diocesi, lo spostamento del percorso educativo dai gruppi alla vita oratoriana nel suo complesso. Si tratta comunque di un progetto che va realizzato e progressivamente compiuto.
Alla domanda “Sono tanti i ragazzi?” si risponde dicendo che dipende da quali criteri si utilizzano: se rispetto alle altre parrocchie, se rispetto al numero di abitanti, se rispetto a chi ha ricevuto i Sacramenti.
Alla domanda “In oratorio si evangelizza?” si risponde che un’evangelizzazione è anche avere il cancello aperto, il lanciare le attività a tutti, fare un oratorio estivo in stile cristiano...
Della Giovanna sottolinea la positività del lavoro svolto nel Consiglio d’Oratorio per il dialogo tra le differenti generazioni. Mastrorillo suggerisce di preparare una tabella di marcia ad inizio d’anno per evitare sovrapposizioni di iniziative durante il prossimo anno.
Il documento è approvato con la sola astensione di Chisena.

4. Verifica dell'Anno Pastorale e Sguardo al futuro (Visita Pastorale 2009)
Rispetto ai tre percorsi ipotizzati ad inizio d’anno (Percorso di fede da 0 a 7 anni, Progetto Educativo Oratoriano, Ciclo di incontri per famiglie sull’educare) gli intervenuti sottolineano la positività del lavoro svolto. Anche per quanto riguarda i lavori in chiesa - rispetto ai quali qualcuno ha osservato la grande partecipazione e generosità – si è notato una certa frenesia personale nel fare le cose. In particolare per il ciclo di incontri per famiglie, diversi ne auspicano la continuazione, raggruppandoli però nei primi mesi dell’anno.
Don Giuseppe chiede se la proposta quaresimale di preghiera in famiglia è stata positiva o no. Le risposte sono diversificate: alcuni parrocchiani hanno lamentato l’assenza di una preghiera comune in chiesa, altri hanno vissuto positivamente la novità.
Don Giorgio ricorda che l’invito alla preghiera in famiglia è fortemente consigliato nel percorso di Iniziazione Cristiana. Dal punto di vista del lavoro del CPP stiamo vivendo un passaggio: dal fare al pensare, passaggio molto educativo, perché non si può educare senza progettualità. Infine conclude che è opportuno chiederci quali sono i percorsi di annuncio della fede nella comunità e che per l’anno prossimo:
- si è ricevuto un Mandato per “ri-strutturae” l’Area Omogenea (punto 5);
- nel Decanato ci sarà la Visita Pastorale: il Decano sarà tra noi il 9 novembre (Domenica in cui saranno celebrati i tre Sacramenti dell’Iniziazione Cristiana ai nostri ragazzi);
- bisognerà introdurre il percorso battesimale approvato nello scorso Consiglio Pastorale;
- si concluderanno i lavori della chiesa e si dovranno completare i pagamenti;
- sarà il 3° Anno del Percorso Pastorale sulla Famiglia “Famiglia diventa anima del mondo”;
- nel 2009 non ci saranno Cresime e Comunioni, che avverranno dopo la Pasqua 2010, perché le Celebrazioni si posticiperanno dall’autunno alla primavera del 4° Anno di Iniziazione Cristiana;
- sarà conclusa la sperimentazione sulla Iniziazione Cristiana a livello diocesano (dai 7 ai 14 anni) che richiederà un ripensamento del CIC.

5. Mandato del Vicario Episcopale alle Parrocchie dell'Area Omogenea
L’anno prossimo a giugno probabilmente i Padri Barnabiti lasceranno la Parrocchia di Maria Madre della Chiesa. In vista di questo il Vicario Episcopale, Mons. De Scalzi, ha dato mandato di prevedere che tipo di strutturazione dare alle 4 Parrocchie dell’Area Omogenea, tenendo conto soprattutto del diminuire dei preti in Diocesi. Questo porta a pensare che ci potrebbero essere a breve cambiamenti che si possono così sintetizzare:
- Diventare una Comunità pastorale (4 Parrocchie con un Parroco e diversi Vicari Parrocchiali).
- Diventare Unità pastorale a livello di Pastorale Giovanile (con un prete responsabile di diversi Oratori) e una Equipe che progetti l’azione educativa per adolescenti e giovani.
- Avere in ogni Oratorio un Direttore (non prete) con un Consiglio di Oratorio.
- In ogni Oratorio si dia più attenzione al fatto che i ragazzi vanno a scuola e si dia più spazio alla presenza educativa dei genitori.
Queste direttive non ci colgono impreparati (visto quanto stiamo vivendo nella nostra Comunità) e non saremo tenuti all’oscuro dell’evolversi della situazione: certamente si va incontro ad una Chiesa con meno preti e in cui la corresponsabilità dei laici sarà sempre più forte. Queste novità non vanno vissute con paura, semmai con preghiera più intensa.

6. Varie
Si decidono gli orari della Eucarestia dei mesi estivi

da DOMENICA 15 giugno

DOMENICA 15 giugno
«XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»

Libro dell’Esodo (19,2-6)
Lettera di san Paolo apostolo ai Romani (5,6-11)
Vangelo secondo Matteo (9,36-10,8)

ore 15,30 in Chiesa: Celebrazione del Sacramento del Battesimo.

Mercoledì 18 giugno
ore 15,30 presso il Centro Parrocchiale: Servizio di Assistenza per pratiche previdenziali ed assistenziali.

Giovedì 19 giugno
ore 19,30 presso il Centro Parrocchiale: Incontro di fine anno della Catechesi degli Adulti. Seguirà un momento conviviale.

PROVIAMO X RECITARE

"Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendolo" Aristotele

Piccola scuola di recitazione per aspiranti attori filodrammatici.
PROVIAMO X RECITARE
La nostra compagnia organizza un corso di recitazione di 10 lezioni, con la volontà di raccogliere le necessità espressive dei singoli e convogliarle, con metodo e regole base, nel linguaggio del palcoscenico (il corpo, la voce, i sensi, lo spazio, il messaggio).

10 lezioni settimanali di 2 ore circa, minimo 8 iscritti, costo impegnativo e simbolico devoluto in parrocchia, colloquio personale preiscrizione, nessun saggio, non sono richiesti prerequisiti, abbigliamento comodo.

Per informazioni scrivi a info@cosixcaso.it o rivolgiti direttamente agli attori già in compagnia.

“Il teatro è un luogo dove gli adulti giocano come i bambini, dove si raccontano delle fiabe e dei sogni che hanno avuto o che vorrebbero avere" Giorgio Strehler

http://www.cosixcaso.it/

RITIRO SPIRITUALE DEGLI ADULTI

RITIRO SPIRITUALE DEGLI ADULTI AD ALBINO (BG)
presso l’Istituto dei padri dehoniani

Sabato e Domenica 27 e 28 settembre 2008
Quota di partecipazione individuale: € 55,00 (comprensiva di sistemazione in camera con servizi
e trattamento di pensione completa)

CAMPI ESTIVI 2008

CAMPI ESTIVI 2008 in VALGRISENCHE (AO)

Preadolescenti (medie inferiori)dal 30 giugno all’8 luglio quota di partecipazione: € 230

Adolescenti e Giovanissimi (medie superiori)dall’8 al 15 luglio quota di partecipazione: € 210

Comunicazioni per l'estate (1)

Il Servizio di Assistenza per pratiche previdenziali ed assistenziali, prima della chiusura estiva, continuerà l’attività nei Mercoledì 11 - 18 - 25 giugno dalle ore 15,30 alle ore 17,30 presso il Centro Parrocchiale

CENTRO DI ASCOLTO
Si avverte che durante il periodo estivo il Centro di Ascolto seguirà il sottoindicato orario di apertura:
Mese di LUGLIO: Lunedì e Giovedì ore 10 - 12
Mese di AGOSTO: attività sospesa
Col mese di Settembre riprenderà la normale attività secondo l’orario esposto.

10 giugno 2008

Lettera ai nostri Don

Oggi è festa, e quando è festa tutto è concesso!
Quindi ci siamo permessi di fare un regalo ai nostri preti: è un regalo che fa squadra, perché noi vogliamo che i nostri preti siano una squadra.

Abbiamo aggiunto anche un altro oggetto perché loro sono anche una squadra di arbitri; arbitri che dovranno sanzionare tutti i nostri “falli”!

Noi vogliamo bene ai nostri sacerdoti perché abbiamo visto e capito che la vocazione l’hanno sempre avuta incorporata, non è un optional!

E la fede? Quando li vediamo passare sui marciapiedi di via Feraboli, nel quartiere Missaglia, al Basmetto, in via Gratosoglio, per via Baroni i parrocchiani lo pensano e lo dicono: quelli la fede ce l’hanno: lasciano dietro di loro una scia come un motoscafo; la loro fede assomiglia ad un mazzo di fiori appena colto che fa usmare anche chi non ha naso.

Che preti i nostri preti, per loro tutto è Chiesa, mai una critica a nessuno. CL.?.è Chiesa! I Pentecostali? Si quelli che alzano le mani e fanno la “Ola” come allo Stadio: Chiesa! I Focolarini, quelli che sorridono sempre e che sembrano la reclame del sorriso Durbans, Chiesa!
E anche noi tutti qui presenti e assenti: Chiesa!
E allora come disse Gesù al suo apostolo: “Tu sei Pietro ecc ecc ” , noi diciamo “tu sei Giorgio, tu sei Giuseppe e le porte degli inferi non prevarranno mai contro le porte di San Barnaba!”

Don Giorgio, don Giuseppe, Buona Festa
dalla vostra Comunità di San Barnaba

8/6/2008

01 giugno 2008

CHE VI@ V@I ? CHE VI@ V@I !

“Una comunità cristiana capace di far festa è di per sé missionaria.
Celebrare una festa pubblica da parte di una Comunità cristiana può significare la rinnovata presa di coscienza di ciò che le è proprio: la testimonianza delle buone ragioni, della bellezza e della concreta possibilità di vivere e di vivere insieme.
Potremo renderci conto di come forse anche il nostro linguaggio stia cambiando poco a poco: parole come “missionarietà”, “apertura agli altri”, “confronto” ci sono diventate forse più familiari e note.”

CHE VI@ V@I ? CHE VI@ V@I !

Carissime famiglie di San Barnaba,
siamo ormai nel clima della nostra Festa, la Festa Patronale di San Barnaba, quell’occasione che ci permette ogni anno di gioire perché siamo e ci sentiamo Chiesa di Gesù Risorto che si ritrova in questa parte di Milano.
È sicuramente un momento “forte” dell’Anno Pastorale in cui vogliamo tutti presenti come si addice ad una vera Festa: inviteremo ogni famiglia (italiana e non) con una lettera, ma ci ricorderemo anche di malati e anziani, e pregheremo per don Alberto Nordi e per tutti i defunti della Parrocchia.
In questi anni oltre a creare un’occasione per far festa tra noi credenti, è maturata la voglia di essere stimolo per far incontrare tutti coloro che con noi condividono “le gioie e le speranze” di questa pezzo della città. Un membro del Consiglio Pastorale ha detto questa frase tanto bella, quanto (purtroppo) vera: “l’anonimato è un male e fa male”. Noi vogliamo vincere un po’ questo male anche attraverso la nostra Festa.
Per noi discepoli di Gesù creare l’occasione per incontrarci tra noi e con tutti diventa voglia di “far vedere” che il Vangelo ci muove e che ancora oggi corre sulle nostre strade, incarnato nella nostra vita e nelle nostre responsabilità.
Con “San Barnaba 2008” intendiamo servirci di un linguaggio nuovo per comunicare la nostra fede, usando una festa che valorizzi ciò che di bello e di buono esiste già nel nostro territorio.
In questi mesi (è stato come al solito una moda!) si è parlato (male!) delle periferie, e perciò anche di noi. Noi non possiamo starci a questo, perché sappiamo che non è la verità. Cominciamo noi a credere che non è tutto vero quanto è stato scritto sui quotidiani ed è stato mostrato in televisione; cominciamo noi ad avere fiducia e a sperare in quanto facciamo e in quanto sappiamo fare: ci sono belle realtà, si fanno tante cose belle sia a Scuola, che nelle Associazioni, in Parrocchia… singole persone e gruppi…
Siamo consapevoli che come Comunità cristiana non siamo chiamati a fare tutto (e neanche lo possiamo) per fare migliore il nostro territorio. Possiamo invece contribuire a “metterci in rete” e a “mettere in rete” le diverse realtà e associazioni per trovare il vero “benessere”, cioè lo “star bene insieme”, qui!
Noi non abbiamo una piazza che possa riunire tutti, ma c’è una via che unisce le diverse parti della Parrocchia: “occupiamola!” Non possiamo “scendere in piazza”, scendiamo in via Feraboli!
Sulla strada …anche di due discepoli che andavano ad Emmaus (vi ricordate il quadro di Caravaggio che ha riempito i nostri occhi quando eravamo fuori dalla chiesa?) hanno incontrato Gesù, e poi nel condividere, nello spezzare, nell’incontrarsi lo hanno riconosciuto. E se capitasse anche noi in via Feraboli? Quanta strada ha percorso il nostro Patrono San Barnaba annunciando il Vangelo ed edificando le Comunità. Proprio la strada quest’anno può diventare l’occasione per un evento significativo.
Noi lanciamo l’idea… ma siamo chiamati soprattutto a metterci il cuore, la passione, l’anima, il sorriso che unisce. Ognuno di noi in quanto cristiano/a deve sentirsi artefice nel favorire questo incontro, nel renderlo gioioso... contribuendo nel dare una mano come volontario, ma anche portando un dolce, una bottiglia di vino buono… Ognuno di noi può semplicemente farsi angelo che annuncia ai vicini: “Venite a vedere”, ma anche suggerire di dare qualcosa di proprio per condividerlo con altri.
Buon San Barnaba, care famiglie. Arriderci in via Feraboli. “Imbandiamo noi la tavola” perché si faccia festa tutti insieme.
Fraternamente,
don Giorgio

FESTA PATRONALE DI S. BARNABA “CHE VI@ V@I?!”


FESTA PATRONALE DI S. BARNABA “CHE VI@ V@I?!”

PROGRAMMA

DOMENICA 1 giugno
«IX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»
Libro del Deuteronomio (11,18.26-28)
Lettera di san Paolo apostolo ai Romani (3,21-25.28)
Vangelo secondo Matteo (7,21-27)

Dopo la S. Messa delle ore 10,00 i Preadolescenti e gli Adolescenti faranno visita ad anziani e malati.
Durante la S. Messa delle ore 11,30 si celebreranno i riti di Introduzione al Sacramento del Battesimo.

MERCOLEDÌ 4 giugno
ore 21,00 in chiesa

Eucarestia in suffragio dei nostri Defunti nel 7° anniversario della morte di don Alberto Nordi
(Per questo motivo non viene celebrata la S. Messa delle ore 18,00)

SABATO 7 giugno
ore 19,30 in Oratorio
Cena comunitaria con animazione e danze popolari


DOMENICA 8 giugno

«X DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»
Libro del profeta Osea (6,3-6)
Lettera di san Paolo apostolo ai Romani (4,18-25)
Vangelo secondo Matteo (9,9-13)

Ore 10,30 Eucarestia unificata
Dopo la Messa: Happy hour

SULLA VIA FERABOLI
15,00-18,00 Apertura degli Stands di alcune Associaizoni presenti sul territorio con animazione per grandi e piccini.

15,30 Musica d’insieme
Concerto dei ragazzi e delle ragazze della Scuola Media “Arcadia”.

16,15 Sibibafolì
Ritmi e percussioni dal Burkina Faso.

IN ORATORIO
17,00 “vi@ che v@i dolci che trovi”
Mostra e degustazione di specialità dolci e salate.

Per tutto il pomeriggio: stands gastronomici, gonfiabili e … sorprese per tutti


CALENDARIO LAVORI SAN BARNABA

SABATO 7 GIUGNO: ore 8.30 in ORATORIO ALLESTIMENTO TAVOLI E PANCHE
ore 16.00 in ORATORIO PREPARAZIONE TAVOLI e ORGANIZZA- ZIONE CENA
ore 17.30 in ORATORIO ARRIVO CAMERIERI (pre ado e ado)
ore 22.30 in ORATORIO SMONTAGGIO TAVOLI E PANCHE
ore 23.00 in ORATORIO E POI AL CENTRO PARROCCHIALE PER RIORDINO CUCINA

DOMENICA 8 GIUGNO: ore 14.00 in via FERABOLI ALLESTIMENTO STAND
ore 18.00 in via FERABOLI SMONTAGGIO STAND

“vi@ che v@i dolci che trovi”
Domenica 8 GIUGNO ore 17,00 in Oratorio mostra e degustazione di specialità di tutto il mondo.
PROTAGONISTA DI QUESTA MOSTRA E’ ANCHE LA TUA VIA, PARTECIPA ANCHE TU.

Prepara la tua specialità (torta, biscotti, pizza, focaccia delle “tue parti”) e portala in oratorio allo stand.

Tutti potranno così apprezzare la tua bravura in cucina!
Potrai inoltre assaggiare le altre specialità in mostra.

Consegna la tua prelibatezza, allegando la ricetta, domenica 8/6:- dalle ore 10 alle 13 davanti alla Chiesa - alle ore 16,30 direttamente allo stand “Vi@ che V@i... Dolci che Trovi”.


Padre JOMON: ULTIMISSIME DA HONG KONG

In questi giorni siamo stati informati di fatti che riguardano la Cina sia per cose belle (preparativi per le Olimpiadi) sia il tremendo terremoto che ha fatto migliaia di vittime.
Il nostro “inviato speciale” padre Jomon (PIME) ci ha scritto dalla vicina Hong Kong per darci ulteriori notizie. Anche questo è Cina.

Don Giorgio,
Come stai? Spero che tu stia bene. Scusami tanto per il ritardo. Questi giorni ero occupato con un gruppo di giovani della Parrocchia per raccogliere qualche aiuto per la gente che ha colpito dalla terremoto. Sono sicuro che hai già sentito della notizia e del numero dei morti. E' una grande tristezza. Tanti mi chiedano come mai succede queste cose. Alcuni dicono che è la fine del mondo. Alcuni dicono: “Se la gente cinese non crede nel Signore, non è colpa loro, perché non hanno possibilità di conoscerlo. (come sai già in Cina c'è poca libertà per la religione). Che fine faranno quelli che sono già morti? Andranno in paradiso?” Sono tante domande a cui dobbiamo rispondere con la nostra piccola saggezza.
Noi abbiamo già mandato gli aiuti. Vorrei davvero andare personalmente ad aiutarli però non abbiamo il permesso di farlo. Vedo tutti i giorni la sofferenza della gente. Non possiamo fare altro che pregare per loro e mandare aiuti. Il terremoto era forte e lo abbiamo sentito anche in Hong Kong.
Vorrei chiederti il favore di pregare per la gente cinese, specialmente in questo momento di grande tristezza. Lo so che lo stai gia facendo, però se puoi avvisare durante la messa sarà una grande cosa.

Vorrei scriverti qualcosa sul festeggiamento dei 150 anni di presenza del Pime in Hong Kong.
Questa messe abbiamo fatto la celebrazione del 150simo anniversario dell’arrivo a Hong Kong del nostro Istituto. Per noi è stato un grande gioia e di questo ringraziamo Dio e tutti la gente della Cina.
Abbiamo fatto due giorni di celebrazione. Il 10 Aprile abbiamo festeggiato al casa del Pime. La Messa solenne dell’11 Aprile - presieduta da sua Eminenza Card. Zen con altri tre vescovi e altri 100 concelebranti, alla presenza di circa un migliaio di fedeli - ha dimostrato l’importanza del Istituto nella Diocesi di Hong Kong. Dopo la Messa i fedeli si sono riuniti in cinque o sei cento nel salone della Caritas per cenare insieme in un atmosfera gioiosa. Durante la conferenza gli illustri ospiti hanno condiviso con i presenti le loro esperienze missionarie, con l’intento di stimolare la responsabilità missionaria nell’animo dei fedeli e di avviare la forza motrice dell’evangelizzazione, in modo che il clero e i fedeli tutti insieme facciano da testimoni per il Signore.
Durante questi due giorni di festeggiamento, tanti fedeli della Diocesi di Hong Kong hanno ringraziato fervidamente per il sacrificio disinteressato che i missionari hanno offerto nei 150 anni passati. La Diocesi di Hong kong ha potuto sviluppare con passi sicuri oltre alla protezione e alla benedizione del Nostro Signore: non si possono soprattutto dimenticare gli incessanti sforzi dei padri antenati e il fervore missionario dell’amore verso Dio e il prossimo.
Questi due giorni di celebrazione ci ha aiutato svolgere con diligenza il ruolo sacerdotale nel promuovere l’evangelizzazione, nel salvare le anime nell’espandere il Regno d Dio.

Ti chiedo di continua pregare per tutti noi i missionari e per la gente cinese.
Tu come stai? Come va il lavoro della chiesa? Fammi sapere qualche notizia. Salutami tutti nostri parrocchiani.
Prenditi cura di te.
P.Jomon.

Quest'anno il giorno di Pasqua abbiamo avuto 94 Battesimi: 50 adulti e 44 bambini.

EDUCAZIONE E SCUOLA - Vivere in letizia l’avventura scolastica

EDUCAZIONE E SCUOLA - Vivere in letizia l’avventura scolastica

Sintesi dell’incontro tenutosi domenica 11 maggio u.s.

Nel pomeriggio di domenica 11 maggio, presso il Centro Parrocchiale si è svolto l’ultimo degli incontri organizzati dalla Commissione Famiglia e patrocinato dal Consiglio di Zona, sul tema “Educazione e scuola” vivere in letizia l’avventura scolastica.
L’incontro, preceduto da un caffè insieme, ha visto la presenza, non molto numerosa, ma attiva e partecipe, delle nostre famiglie che, stimolate dai conduttori, il prof. Alessandro Cozzi e la moglie Graziella, si sono interrogate su “Cosa è l’educazione?” Dalle varie risposte (amare, far crescere, trasferire valori, far esercitare l’autonomia e la libertà, far emergere potenzialità) è scaturita l’esigenza di capire cosa sia la natura umana.
Sia la filosofia con Aristotele che la Bibbia nell’Ecclesiaste convergono nel ritenere l’uomo un insieme inscindibile di INTELLETTO – VOLONTA’ – AFFETTI – ISTINTI ; educare significa far in modo che queste 4 caratteristiche si sviluppino e si equilibrino, seguendo questa gerarchia.
Può essere che i genitori da soli non riescano a realizzare tutto ciò e si rivolgano a specifiche “agenzie educative”, che educhino accanto ai genitori . Sono agenzie educative i nonni, le varie realtà aggreganti come gruppi sportivi, la parrocchia…e in primo,luogo la scuola.
Essa ha un funzione istruttiva e professionalizzante: questo è delegabile in toto dalla famiglia, che per sua natura e vocazione è il centro del percorso educativo e dunque non può delegare alla scuola l’educazione, cioè il diventare uomini, dei suoi figli.

Si è poi risposto in gruppi a 2 domande:
1. Come fare a dialogare con la scuola rispetto all’idea di educazione?
Cosa fare se la scuola non ha sensibilità verso la mia idea di educazione?
Alla prima si è risposto che è necessario costruire un rapporto di fiducia con gli insegnanti, aprendosi ed essendo se stessi, creare una relazione con loro. Per questo si possono utilizzare gli spazi offerti dagli organi collegiali e quelli informali che si possono utilmente creare (feste, gite, incontri..). Insomma. a scuola bisogna ESSERCI, non demandare, in quanto siamo noi al centro del processo educativo, siamo noi che dobbiamo dire all’insegnante come educare (attenzione: non che cosa e in che modo insegnare).
Rispondendo alla seconda, si è insistito sulla necessità di creare una RETE di genitori, perché è necessario conoscersi, dato che i nostri figli passano molte ore insieme e bisogna capire come educano gli altri genitori.

L’evento si è concluso con una festosa merenda insieme con i figli, accuditi e coccolati durante l’incontro da un gruppo di volonterosi animatori.

NOTIZIE DAL CONSIGLIO PASTORALE DEL 29/04/2008

COMUNICAZIONE DI FEDE PARTENDO DA GIOVANNI (3, 1-16)

Don Giorgio introduce il brano evangelico che aiuta a capire l’orizzonte delle decisioni da prendere nell’incontro: questo brano rappresenta una catechesi di Gesù in cui egli dichiara il senso della sua venuta: Nonostante la difficoltà di capire la “novità” portata da Gesù, Nicodemo si convertirà, sarà presente al sepolcro e sarà uno dei primi Giudei a seguirlo.

Altri interventi sottolineano:
la pazienza di Gesù, che conduce pian piano Nicodemo: questo atteggiamento ci può insegnare molto;
Dio si è fatto uomo e ci ha raggiunto attraverso delle persone concrete: occorre riconoscerlo nei fratelli.
L’importanza di essere rinati con l’acqua e lo Spirito (il Battesimo) per iniziare il cammino di fede: molti convertiti chiedevano di essere battezzati
La contrapposizione tra uomo carnale e uomo spirituale
“Il vento soffia dove vuole”: cercare di valorizzare il Battesimo come occasione dello Spirito
Cristo ha fatto esperienza d’amore e l’ha testimoniato a noi. Il Battesimo entra in questa esperienza umana d’amore perché chi lo riceve sia testimone d’amore verso gli altri

DISCERNIMENTO SUL DOCUMENTO “IL MISTERO DELL’ACCOGLIENZA”

Questo Documento della nostra Diocesi intende prospettare una Pastorale dell’Infanzia (dai 0 ai 7 anni) e della Famiglia legata alla Celebrazione del Sacramento del Battesimo, suggerendo:
a. Incontri per la famiglia in preparazione alla Celebrazione del Battesimo anche attraverso Coppie che accompagnano le famiglie e si recano nelle case.
b. La Celebrazione del Sacramento del Battesimo in due momenti: Riti di introduzione e Battesimo con Riti esplicativi (Unzione col Crisma, Veste bianca, Candela).
L’accompagnamento spirituale delle famiglie che hanno chiesto di battezzare il/la figlio/a dopo la celebrazione del Sacramento (contatti e colloqui, incontri annuali…)
Si è chiesto ai membri di evidenziare le priorità che hanno rilevato nel Documento: possono essere utili per attuare le linee presentate dall’Arcivescovo.

Dai Consiglieri vengono evidenziate le seguenti indicazioni:
- l’accompagnamento e l’accoglienza della famiglia, che ci invita a trasformare la catechesi in evangelizzazione, soprattutto andando nelle case;
- non possiamo giudicare le coscienze;
- l’invito a seguire l’evangelizzazione dei bambini da 0 a 7 anni;
- avvicinare questo percorso a quello del CIC, che è un’esperienza affascinante;
- attenzione alla figura dei padrini, come esempio e stile di vita cristiana;
- accogliere, rispettare, ma vedere un minimo di disponibilità della famiglia a camminare;
- la formazione dell’Equipe Battesimale che porti avanti l’attenzione alla famiglie.

Poiché si ritiene che ci sia bisogno di una proposta più mirata, si decide di fare una specifica Commissione composta di pochi componenti scelti da don Giorgio. Il frutto del lavoro della Commissione sarà sottoposto al Consiglio Pastorale.

Altre comunicazioni riguardano momenti già in corso o già esplicitati in altre parti di questo Informatore.

ORATORIO ESTIVO 2008



ORATORIO ESTIVO 2008

Periodo: dal 9 al 27 giugno (3 settimane). Lo svolgimento della quarta settimana (30 giugno - 4 luglio) sarà effettuato solo se avremo la presenza dell’educatore. Daremo comunque tempestiva comunicazione al riguardo.

Orari: 7,30: apertura e accoglienza
ore 9: (circa) inizio delle attività con la preghiera; alle 9,20 chiusura del cancello
ore 12,15: termine delle attività del mattino e apertura del cancello.

C'è la possibilità, per chi ne abbia reale necessità, di mangiare al centro parrocchiale acquistando in Oratorio i buoni da € 4,50. (primo, secondo e contorno preparati da una ditta specializzata).

ore 14,30: inizio delle attività pomeridiane;
ore 16,30: merenda e preghiera serale;
ore 17,00 termine della giornata.

Varianti:
Uscite nelle vicinanze.
Gite in parchi acquatici o altre località (ne daremo comunicazione in seguito).

Età minima: 7 anni (dopo la prima elementare).

Quota di partecipazione: € 15,00 per l’iscrizione più € 10,00 alla settimana (materiale, merenda e assicurazione).


A tutti, anticipatamente, diciamo grazie per la collaborazione e la condivisione.
Le iscrizioni si ricevono in oratorio dal martedì al venerdì dalle 17 alle 18,30 e al centro parrocchiale il mercoledì e il venerdì dalle 10,30 alle 12,30.

Si iscrivono i ragazzi appartenenti alla comunità parrocchiale, quindi anche i non residenti che però frequentano il cammino di iniziazione cristiana o del postcresima (preadolescenti) nella nostra parrocchia.

Le persone appartenenti ad altre comunità parrocchiali si potranno iscrivere solo in caso di vera necessità e comunque a partire da giugno.

Il programma dettagliato delle attività sarà disponibile all’inizio dell’oratorio estivo.

CAMPI ESTIVI 2008 in VALGRISENCHE (AO)

CAMPI ESTIVI 2008 in VALGRISENCHE (AO)

Preadolescenti (medie inferiori) dal 30 giugno all’8 luglio quota di partecipazione: € 230

Adolescenti e Giovanissimi (medie superiori) dall’8 al 15 luglio quota di partecipazione: € 210

Le iscrizioni si ricevono presso don Giuseppe, gli Educatori o il bar dell’Oratorio entro il 15 giugno.

Appuntamenti dal 1 giugno 2008

DOMENICA 1 giugno
«IX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»
(vedi Programma della Festa Patronale)

LUNEDÌ 2 giugno ore 17,00
L’Arcivescovo, card. Dionigi Tettamanzi
incontra tutti i cresimandi della Diocesi di Milano
presso lo Stadio “G. Meazza”

MERCOLEDÌ 4 giugno
(vedi Programma della Festa Patronale)
ore 15,30 presso il Centro Parrocchiale: Servizio di Assistenza per pratiche previdenziali ed assistenziali.

SABATO 7 giugno
(vedi Programma della Festa Patronale)

DOMENICA 8 giugno
«X DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»
(vedi Programma della Festa Patronale)

Lunedì 9 giugno
Inizia l’Oratorio Feriale Estivo

Mercoledì 11 giugno «S. Barnaba, apostolo»
ore 21,00 in Chiesa: Vesperi solenni nella Festa Liturgica di San Barnaba.
ore 15,30 presso il Centro Parrocchiale: Servizio di Assistenza per pratiche previdenziali ed assistenziali.

DOMENICA 15 giugno
«XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO»
Libro dell’Esodo (19,2-6)
Lettera di san Paolo apostolo ai Romani (5,6-11)
Vangelo secondo Matteo (9,36-10,8)

ore 15,30 in Chiesa: Celebrazione del Sacramento del Battesimo